Pendolari occupano binari a Bagheria per mancanza posti sul treno

I pendolari di Bagheria hanno occupato i binari della rete ferrata stamani alle 6.37 circa perché il treno che avrebbero dovuto prendere, l’8791, era stracolmo di gente. Nessun altro posto per loro. Sul treno anche alcuni pendolari di Termini Imerese e dei paesi limitrofi. Si tratta di persone che vanno ogni mattina nel capoluogo siciliano, chi per lavorare chi per studiare, alzandosi almeno un’ora prima per prendere il treno delle 6.37. Ma stamattina hanno avuto una brutta sorpresa, tanto che hanno occupato i binari e creato non pochi disagi alle altre corse in programma. Il treno sotto accusa è l’8791, che parte da Termini Imerese alle 6.10 e ferma in tutte le stazioni prima di arrivare a Palermo. Un treno cosiddetto locale dovrebbe almeno avere un numero di posti sufficienti per ospitare tutti i pendolari dei nove paesi in cui si ferma. Invece così non è stato. Non si sa per quale motivo, avrebbero detto alcuni pendolari, ma ogni giorno ce ne è sempre una. Non si tratta nemmeno del minuetto, uno degli ultimi treni attivati da qualche anno che soffre spesso anche di sovraccarico di persone. Era, invece, un treno più piccolo, come hanno riferito alcuni protestanti, che non aveva posti a sufficienza per i pendolari che, regolarmente, pagano biglietto e/o abbonamento. Da qui alla protesta sui binari il passo è stato breve.

Alcuni pendolari di Termini, già sul treno, si sono poi uniti ai manifestanti bagheresi. Lo sblocco si è avuto solo alle 10 con l’arrivo della polizia.

Un caso per Trenitalia. Dall’ufficio stampa hanno fatto sapere che il treno 8791 era di dimensioni ridotte in quanto, a causa della frana avvenuta tra Cammarata e Acquaviva nei giorni passati, non è stato possibile fare arrivare una composizione più grande. Nelle corse successive, comunque, hanno anche detto da Trenitalia, c’erano treni con 500 posti che, però, non hanno potuto viaggiare a causa del blocco.

Commenti

commenti