Marchionne: “Auto a Termini Imerese costano 1.600 euro in più”

Marchionne

“Ha detto esattamente quello che volevo sentire”, ha commentato Sergio Marchionne, dopo avere ascoltato l’intervento del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, al Festival dell’Economia di Trento. È probabile che il premier non abbia pensato la stessa cosa, almeno al riguardo della fabbrica Fiat di termini Imerese, abbandonata al suo destino dal Lingotto, ormai avviato verso un futuro multinazionale. Per la prima volta in un consesso pubblico, e di alto livello, il caso di Termini Imerese è stato sollevato, nudo e crudo. L’ha fatto Renzi, evocandolo come un fantasma davanti a Marchionne, che ascoltava in prima fila. La Fiat è “a disposizione di tutti i governi” per risolvere la questione di Termini Imerese, ma lo stabilimento “continua a essere non utilizzabile per la produzione di auto”, ha spiegato Marchionne, che si è soffermato su una questione che gli sta a cuore, gli aiuti ricevuto dalla Fiat nel Sud ed in Sicilia. Fino a che i soldi arrivavano da Roma, o Palermo. Fino a che arrivava il sostegno romano o siciliano, questa l’accusa rivolta alla Fiat, Termini Imerese è stata una fabbrica come tutte le altre, poi tutto è cambiato. Marchionne ha chiesto che sull’argomento si ragioni con maggiore ponderatezza, insomma non sarebbe tutto oro quello che luce a proposito di risorse erogato alla Fiat. Non è andato in fondo alla questione. “Attenti a credere in tutto”, ha ammonito. «Il sussidio, se ricevuto, la Fiat l’ha ripagato in multipli, è costato finanziariamente una barca di soldi – ha spiegato – Per ogni vettura prodotta a Termini Imerese perdevamo 1500-1600 euro”. La notizia è degna di nota. Marchionne non rinnega gli aiuti, ma sostiene che a Termini Imerese fabbricare una vettura costava molto di più che altrove. Stanno così le cose? Conoscere le ragioni di questi maggiori costi sarebbe di grande rilevanza. Non solo per Termini Imerese. Possibile che tutto, dai palazzi della politica alle fabbriche, debba costare di più nell’Isola?

 

 

FONTE

Commenti

commenti