TYRRHENIAN LINK: a Fiumetorto il doppio collegamento sottomarino tra Sicilia, Sardegna e la penisola

fiumetorto-1

È all’attenzione della Amministrazione comunale il progetto Tyrrhenian Link di Terna che dovrebbe vedere collegata la Sicilia con la Sardegna e la penisola italiana attraverso un doppio cavo sottomarino.
Così commenta la prima cittadina di Termini Imerese Maria Terranova al comunicato di Terna circa l’opera che si sta progettando e mettendo in atto: “Un’opera infrastrutturale di importanza internazionale che, certamente, rappresenta un passo in avanti in termini di capacità di scambio elettrico e di utilizzo di fonti rinnovabili, confermando il ruolo della Sicilia nel Mediterraneo, ma che cmq ha un impatto sul nostro territorio.
Terna ha presentato al Mise un calendario di incontri ed è stata appena confermata la data del 2 febbraio alle ore 17 per un web meeting dedicato, in prima battuta, al Comune di Termini Imerese. All’incontro sarà possibile dialogare direttamente con Terna.
L’amministrazione comunale, nel corso delle interlocuzioni, ha sollevato alcune perplessità sulle aree oggetto di attenzione, perplessità manifestate anche all’Assessorato regionale Attività produttive.
L’interlocuzione continuerà, ovviamente, in modo serrato tra i tre soggetti interessati: Comune di Termini Imerese, Regione Siciliana e Terna.

>>>>> SINTESI NON TECNICA <<<<< Terna collegherà la Sicilia con la Sardegna e la penisola italiana attraverso un doppio cavo sottomarino: un nuovo corridoio elettrico al centro del Mediterraneo, il Tyrrhenian Link. Con 950 chilometri di lunghezza e 1000 MW di potenza si tratta di un’opera infrastrutturale di importanza internazionale, un altro passo in avanti verso un futuro energetico più sostenibile. Il collegamento migliorerà la capacità di scambio elettrico, favorirà lo sviluppo delle fonti rinnovabili, l’affidabilità della rete e dell’intero sistema confermando il ruolo della Sicilia come hub energetico del Mediterraneo. Il progetto complessivo prevede due tratte: la EST dalla Sicilia alla Campania e la OVEST dalla Sicilia alla Sardegna. fiumetorto-2

Terna incontra i cittadini di Termini Imerese (Sicilia), Battipaglia ed Eboli (Campania)
Il 2, 3 e 4 febbraio alle 17 sono in programma tre incontri online in cui sarà possibile dialogare direttamente con le persone di Terna, ricevere informazioni e dare suggerimenti. Il primo web meeting sarà dedicato al Comune di Termini Imerese in Sicilia, quello del giorno successivo al Comune di Battipaglia e quello del 4 febbraio al Comune di Eboli (entrambi in Campania).

Perché partecipare. La consultazione vuole garantire una comunicazione diffusa e partecipata. Il ruolo dei cittadini è molto importante, conoscono il proprio territorio e possono dare ai progettisti un contributo prezioso per trovare le soluzioni migliori.

Il collegamento est (Sicilia – Campania)
Lunga 480 chilometri la tratta EST unisce l’approdo di Fiumetorto, nel comune di Termini Imerese in Sicilia, a Torre Tuscia Magazzeno, presso Battipaglia in Campania.

Dall’approdo di Fiumetorto i cavi interrati invisibili attraverseranno la zona industriale di Termini Imerese con brevi tracciati. L’inserimento nella Rete di trasmissione nazionale sarà reso possibile attraverso una stazione di conversione da corrente continua in alternata. Sono state considerate tre diverse possibilità per la localizzazione della stazione. La prima e la seconda sono all’interno della zona industriale, vicino al punto di approdo. La terza possibilità è in un’area contigua all’esistente stazione elettrica di Caracoli.

Dall’approdo campano di Torre Tuscia Magazzeno fino a Battipaglia i cavi interrati invisibili percorreranno le strade già esistenti, lasciando inalterati ambiente e paesaggio, con tracciati di lunghezza compresa tra 17 e 21 chilometri. Per la localizzazione della stazione di conversione sono state considerate due distinte opzioni nel comune di Eboli, entrambe in aree agricole adiacenti alla linea aerea esistente.

L’approdo dei cavi marini sarà realizzato con la tecnica dell’“horizontal directional drilling” (HDD) che evita scavi a cielo aperto sulle spiagge.

Perché è importante il potenziamento della rete elettrica?
In Sicilia, in Sardegna e soprattutto in Campania c’è una forte produzione da fonti rinnovabili non programmabili, solare ed eolico, in costante aumento. Il Tyrrhenian Link migliorerà la capacità di scambio elettrico e quindi si potranno utilizzare al meglio i flussi di energia da fonti rinnovabili favorendone lo sviluppo.

I benefici
Il nuovo collegamento

– migliorerà la capacità di scambio elettrico tra Campania, Sicilia e Sardegna;
– rafforzerà la stabilità e la sicurezza di rete;
– favorirà lo sviluppo delle fonti rinnovabili;
– aumenterà la concorrenzialità dei produttori sul mercato elettrico.

Commenti

commenti