Relazione della Commissione regionale antimafia sul depistaggio della strage di via D’Amelio

fava

“Mai una sola investigazione giudiziaria e processuale ha raccolto tante anomalie, irritualità e forzature, sul piano procedurale e sostanziale, come l’indagine sulla morte di Paolo Borsellino e dei cinque agenti della sua scorta”. È pesante l’atto d’accusa della commissione regionale Antimafia, presieduta da Claudio Fava. “Mai alla realizzazione di un depistaggio concorsero tante volontà, tante azioni, tante omissioni come in questo caso. Mai gli indizi seminati, in corso di depistaggio, furono così numerosi e così ignorati al tempo stesso come nell’indagine su via D’Amelio”.

SCARICA LA RELAZIONE FINALE

Commenti

commenti