La storia di Gaspare e Alessandro, dai bar di Termini Imerese fino ai grattacieli della capitale inglese

gasparealessandro

da REPUBBLICA

“Hot Cross Shard, The Shrub, Sweet Tomato, Bergamotto & Cedro Sour, Saffron Sour o Quintessential drop?”, ci si chiede indecisi dopo aver letto il menu del lounge bar del 31° piano dello Shard di Londra. Un cliente non siciliano potrebbe grattarsi la testa leggendo gli ingredienti. Cos’è il Marsala? Che vuol dire passito di Noto? Cosa sono i fichi d’India? Ma non sono gli unici prodotti locali che Gaspare Di Carlo (26 anni) e Alessandro Geraci (25 anni) hanno portato a Londra per servirli – sotto forma di miscele – in uno dei grattacieli più belli del mondo.
In verità i loro cocktail sono numerosissimi e hanno in comune la sicilianità: gli agrumi dell’isola, il ciccolato modicano, i vini e i liquori dell’entroterra e quei gusti intensi che permettono di far viaggiare attraverso le papille gustative chi li assaggia.
Quella di Gaspare e Alessandro è la storia di due ragazzi siciliani amici per la pelle dagli anni della loro adolescenza che, da Termini Imerese, adesso lavorano come bar manager in due lounge bar di Londra. Uno allo Shard (terzo grattacielo più alto d’Europa) e l’altro al 35° piano dello Sky Garden. In due grattacieli vicini, esattamente uno di fronte all’altro, proprio come hanno iniziano in Sicilia nei due bar di Termini Imerese.
Hanno lasciato la loro isola, le loro famiglie, per partire e lanciarsi nel settore della mixology che prima conoscevano solo per puro diletto. Quell’arte però li ha catturati, sedotti, “ubriacati” così tanto da crederci fino in fondo, ogni giorno, passo dopo passo riuscendo a diventare adesso l’unico senso della loro vita. Così, le loro ‘miscele’ adesso sono famose a Londra e stanno facendo il giro del mondo.

Commenti

commenti