Il corto-documentario di Gianfrancesco Iacono e Michele Scimè è stato premiato al festival piemontese Spaesamenti, Incontri sul cinema del reale di confine

whatsapp-image-2021-06-11-at-09-11-10

Il corto-documentario di Gianfrancesco Iacono e Michele Scimè è stato premiato al festival piemontese Spaesamenti, Incontri sul cinema del reale di confine, con la motivazione: “miglior corto, per la capacità di raccontare, attraverso il montaggio, storie di diversa “dolorosa” bellezza“. 

Sicilia 2020, agglomerato industriale di Termini Imerese. 50km a est di Palermo. Nel 2011, nel cuore dell’area industriale e dopo quarant’anni di attività, chiude lo stabilimento Fiat per la produzione di autoveicoli. Nel raggio di 5 km sorge il sito archeologico di Himera, antica colonia greca, dove si ritiene essere presente la più grande necropoli di tutta la Sicilia e tra le più estese d’Europa con oltre 13.000 sepolture ritrovate. Una terra in cui crisi economica e disastro ambientale sono intrecciati ormai da molto tempo. 

Iacono e Scimè (regia e montaggio) hanno commentato il prestigioso premio: “con ‘Terramorta’ abbiamo cercato di restituire la fotografia attuale di un territorio divenuto non-luogo. La fascia costiera che si estende a est di Termini Imerese (che comprende l’ormai ex-area industriale fino al sito archeologico di Himera) è la rappresentazione concreta di come il fallimento del sogno di sviluppo industriale abbia portato, contemporaneamente, alla devastazione di un territorio e allo svuotamento di ogni identità economica, sociale e culturale in senso lato. Una landa dalle sembianze post-apocalittiche dove la presenza umana diviene sporadica e tragicamente grottesca“.

di Fabio lo Bono

Commenti

commenti