I consiglieri comunali alla ricerca della verità interrogano il commissario straordinario Lo Presti

consiglio-777x437

La presidente Amoroso scrive una mail al Commissario dicendo:
Prego.mo Commissario Lo Presti,
Ieri sera da organi di stampa regionali abbiamo appreso di una sua dichiarazione fornita ad una nota giornalista termitana, circa il giovane risultato positivo al Covid-19. Il comunicato riporta testualmente “È stato lui stesso – dice il commissario Lo Presti – a dichiarare che prima che il tampone risultasse positivo era in giro nei supermercati a fare spese ed in farmacia per reperire delle medicine. È chiaro che ha incontrato persone in questo lasso di tempo”.
Alla luce di quanto sopra esposto, Le chiedo, cortesemente, di informare la città di spostamenti, di incontri e di luoghi frequentati dal soggetto, altresì qualsiasi altra informazione utile alla nostra comunità che in un momento così delicato sta mostrando senso di responsabilità e capacità di resistere alle difficoltà .
Nell’attesa di una celere risposta Le porgo i miei più cordiali saluti.
Il Presidente del Consiglio
D.ssa Anna Amoroso

I consiglieri DiBlasi e Fullone scrivono così:
“Termini Imerese è nel caos, ha bisogno di chiarezza, essere presa per mano e guidata” con questa frase i Consiglieri Comunali di Fratelli d’Italia lanciano un appello al Commissario Straordinario al Comune. “Le mattine, tutte le mattine, ci svegliamo con una emergenza e c’è bisogno di chi si assume le responsabilità amministrative per risolvere i problemi” continuano Licia Fullone e Giuseppe Di Blasi “una presenza costante nel Palazzo di città è indispensabile”. Inoltre i cittadini sono nel panico a causa di messaggi contraddittori da parte di chi ha la responsabilità di governo “sul Coronavirus bisogna essere chiari e dire ai cittadini, e agli amministratori, le cose come stanno. La gente pretende la verità…. non possiamo mandare messaggi equivoci o contraddittori” attacca FDI “ieri abbiamo avuto una versione sul caso di contagio in città ma apprendiamo una versione diversa dalla stampa che ha buttato nel panico i cittadini”. I Consiglieri Di Blasi e Fullone chiedono “rispetto per Termini Imerese, verità e chiarezza. Quella chiarezza che tutti i cittadini si aspettano da chi li governa” e concludono “se il Commissario non ritiene di poter assolvere il suo compito, dia un segnale di grande responsabilità verso questa comunità che sta soffrendo, si rechi dal Presidente della Regione e si dimetta!”. Per il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia Termini Imerese “ha bisogno, in questo momento, di una persona sempre presente al Palazzo di città”

La consigliera Anna Chiara gli scrive così:
Sig. Commissario disturbo perché urge una sua presa di posizione pubblica ed ufficiale sulla vicenda del caso COVID-19 a Termini Imerese. Notizie diverse e contraddittorie anche da ambienti comunali hanno ingenerato un clima di grande preoccupazione in Città. E’ il momento della chiarezza. Auspico, in tempi brevi, anche un incontro chiarificatori (con le modalità di sicurezza previste) per evitare sovrapposizioni di ruolo o interferenze istituzionali che soprattutto in questo momento non servono ai Termitani. Del presente messaggio darò la massima diffusione su FB per far sì che i nostri concittadini attendano responsabilmente la sua comunicazione ufficiale.
Anna Maria CHIARA (consigliere comunale)

Commenti

commenti