Audizione urgente dell’assessore Razza e del dirigente La Rocca in commissione Salute all’Ars

mario-la-rocca

Ho già convocato per martedì 24 novembre un’audizione urgente dell’assessore regionale per la Salute Ruggero Razza e del dirigente generale del dipartimento di Pianificazione strategica della Regione siciliana Mario La Rocca. Preme innanzitutto chiarire se il messaggio vocale con cui il dirigente La Rocca invita con veemenza i manager di Asp e ospedali a caricare sulle piattaforme Cross e Gecos i dati sui posti letto da attivare in Sicilia siano delle pressioni finalizzate ad evitare restrizioni da parte del governo nazionale rappresentando però una situazione non corrispondente alla realtà o se sia un modo per accelerare l’attivazione dei posti letto previsti dalla pianificazione ospedaliera anti Covid perché forse aveva notato dei ritardi da parte delle aziende. Se qualcuno ha delle responsabilità è giusto che se le assuma”. Lo fa sapere in una nota la presidente della commissione Salute dell’Ars Margherita La Rocca Ruvolo dopo aver ascoltato il messaggio vocale del dirigente del dipartimento di Pianificazione strategica della Regione siciliana diffuso sul sito lasicilia.it.

La senatrice Antonella Campagna scrive così in un post facebook sulla viecenda:
Il messaggio audio del direttore generale dell’assessorato alla Salute, Mario La Rocca, rivolto ai manager di Asp e ospedali siciliani, riportato oggi dal quotidiano on line La Sicilia, è a dir poco sconcertante.
La preoccupazione dell’assessorato alla salute è, in sostanza, quella di far caricare dalle aziende sanitarie sulle piattaforme Cross e Gecos tutti i dati relativi ai posti letto da attivare in Sicilia entro il 15 novembre, secondo il cronoprogramma presentato alla commissione Salute, in vista proprio dell’imminente decisione da parte del governo nazionale sull’assegnazione alle regioni delle fasce di rischio corrispondenti al rispetto dei parametri individuati dal ministero della salute.
E questo accade lo stesso giorno in cui quegli stessi dati sui posti letto, evidentemente ancora da attivare, venivano presentati alla commissione salute dell’Ars.
Il dubbio sulla veridicità dei dati caricati rispetto al numero di posti letto reali a questo punto, è più che fondato, per questo l’intervento degli ispettori ministeriali e della magistratura è ormai indispensabile e non più rinviabile.
È inaccettabile che le istituzioni coinvolte pensino di poter raggirare il governo centrale per mera, squallida, strategia politica nell’ennesimo tentativo di occultare le proprie gravissime inadempienze ricandenti, come sempre, sulla pelle dei cittadini.
Il presidente Musumeci e l’assessore Razza facciano immediatamente chiarezza su questa incresciosa vicenda, ed abbiano la dignità e l’onestà di mettersi da parte per manifesta incapacità di aiutare la Sicilia ad affrontare la difficilissima crisi sanitaria in corso, ne va della stessa credibilità delle istituzioni regionali.

Commenti

commenti