Arrestati due giovani di Termini Imerese mentre rubavano materiale ferroso

SODARO

È successo nel corso del tardo pomeriggio di giovedì 03 aprile, durante lo svolgimento di un servizio di pattugliamento del territorio, finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, quando i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Termini Imerese hanno tratto in arresto, per il reato di furto aggravato in concorso, SODARO Maurizio, nato a Termini Imerese, classe 1979 ed un 15enne anch’egli di Termini Imerese. I militari, mentre transitavano lungo la SS.113, nel territorio del Comune di Trabia, in direzione della frazione di San Nicola L’Arena, notavano il cancello d’ingresso di un villino sito lungo la predetta strada statale, lato mare, semiaperto, ed insospettiti dalla circostanza decidevano di effettuare un controllo più accurato. Infatti, giunti proprio dinanzi al cancello, trovavano il relativo lucchetto adagiato in terra e danneggiato da evidenti segni di effrazione. Inoltre, immediatamente dopo, i Carabinieri notavano all’interno del villino un furgone Ford Transit con la parte anteriore rivolta verso il cancello d’ingresso ed il posteriore, dove sono collocate le portiere, rivolto verso il mare. Infatti proprio dietro le portiere individuavano SODARO Maurizio ed il minore, intenti a caricare materiale ferroso all’interno del detto furgone. Alla vista dei militari il minore tentava la fuga lungo la spiaggia adiacente il villino, ma veniva prontamente bloccato insieme al SODARO. I militari accertavano la presenza nei pressi del furgone di materiale ferroso ivi accatastato in attesa di essere caricato a bordo. All’interno del veicolo venivano rinvenute già accantonate con particolare ordine n.35 bombole di gas GPL e n. 3 bombole d’ossigeno per uso ospedaliero, tutte vuote, adagiate orizzontalmente su file diverse l’una sopra l’altra. Tutto il materiale era stato precedentemente asportato dal magazzino del villino, dove in passato si svolgeva proprio l’attività di ricarica delle bombole del gas GPL e di quelle d’ossigeno. Espletate le formalità di rito, SODARO Maurizio veniva tradotto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione ed il minore condotto presso il Centro di Prima Accoglienza e Comunità per i Minorenni del complesso “Malaspina” di Palermo, a disposizione rispettivamente dell’Autorità Giudiziaria ordinaria di Termini Imerese e del Tribunale per i Minorenni di Palermo. Nel corso della mattinata di venerdì SODARO Maurizio è stato sottoposto a giudizio con rito per direttissima presso il Tribunale di Termini Imerese, durante il quale l’arresto è stato convalidato e rimesso in libertà con l’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria. Il minore, invece, dopo la convalida dell’arresto, veniva associato presso una Comunità per i Minorenni di Palermo.

Commenti

commenti