Altri 24.400 euro di affido diretto per sanare i bilanci comunali: il gruppo Fratelli d’Italia interroga il commissario

girolamo-di-fazio

Con determina dirigenziale N. Generale 1230 del 26/06/2019 con oggetto: “AFFIDAMENTO DIRETTO TRAMITE PROCEDURA MEPA DEL SERVIZIO DI SUPPORTO ALLA VERIFICA E ALL’ANALISI DEI OGGETTO : RENDICONTI DEGLI ESERCIZI 2017 E 2018, DEI BILANCI DI PREVISIONE 2018-2020 E 2019-2021CE DEI PREGRESSI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI OBBLIGATORI”, viene assegnata la somma di euro 24.400 iva inclusa alla ditta Centro Studi Enti Locali con sede a San Miniato (PI) per coadiuvare l’adempiemento degli obiettivi primari del Commissario: il riallineamento contabile e il supporto alla verifica e all’analisi dei rendiconti degli esercizi 2017 e 2018, dei bilanci di previsione 2018-2020 e 2019-2021 e degli adempimenti amministrativi previsti per legge, cifra a cui vanno sommati euro 12.000 per la consulenza del dott. Mineo per lo stesso scopo.

Il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia ha depositato oggi al protocollo generale una interrogazione che recita quanto segue:

Vista la Delibera del Commissario straordinario n. 30 del 21.06.2019, nella quale, prendendosi atto di una offerta pervenuta dal Centro Studi Enti Locali S.p.a. con sede a Miniato (PI), assunta al protocollo del Comune nella stessa data della suddetta Delibera commissariale (prot. n.27681 del 21.06.2019), si chiede di procedere con l’affidamento di servizi di supporto.
Vista la Determinazione dirigenziale n.1230 del 26.06.2019 con la quale, facendo seguito alla Delibera di indirizzo del Commissario straordinario, si determina l’affidamento diretto alla ditta Centro Studi Enti Locali S.p.a. con sede a Miniato (PI), per un importo di € 24.400,00 incluso Iva, per il servizio di supporto nella verifica ed analisi dei rendiconti degli esercizi finanziari 2017 e 2018, dei bilanci di previsione 2018/2020 e dei pregressi adempimenti amministrativi.
Considerato che già lo stesso Commissario straordinario aveva affidato al dott. Antonino Mineo un incarico di 6 mesi a fronte di un compenso di € 12.000,00 in qualità di esperto per collaborare alla stesura dei bilanci.
I sottofirmatari consiglieri comunali, non entrando nel merito della legittimità degli atti, desiderano avere chiarimenti sulle motivazioni che hanno determinato l’affidamento diretto del servizio di supporto al Centro Studi Enti Locali S.p.a.; in particolare, se è stata fatta un’analisi di mercato per stabilire la congruità del corrispettivo rispetto al progetto presentato; in che modo sono state verificate le capacità professionali del soggetto affidatario.
Giuseppe Di Blasi e Licia Fullone

Di seguito vi proponiamo la determina di affido diretto del dirigente del 4^ settore:

AFFIDAMENTO DIRETTO TRAMITE PROCEDURA MEPA DEL SERVIZIO DI SUPPORTO ALLA VERIFICA E ALL’ANALISI DEI OGGETTO : RENDICONTI DEGLI ESERCIZI 2017 E 2018, DEI BILANCI DI PREVISIONE 2018-2020 E 2019-2021CE DEI PREGRESSI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI OBBLIGATORI

VISTO l’atto di indirizzo di cui alla delibera del Commissario Straordinario (con i poteri del Sindaco e della Giunta comunale) n. 30 del 21.06.2019;

RICHIAMATE:
– la deliberazione del Consiglio comunale n. 118 del 27.12.2018 con la quale è stato approvato il Bilancio di previsione 2017/2018/2019;
– la deliberazione di Giunta comunale n. 5 del 11.01.2019, con la quale è stato approvato il Piano Esecutivo di Gestione, ai sensi dell’art. 197, comma 2, lettera a), del d.lgs. n. 267/2000 e il piano degli obiettivi per l’anno 2019, attribuendo al Dirigente del 4° Settore i capitoli citati nel presente atto;
– la deliberazione Commissariale n. 30 del 21.06.2019

CONSIDERATO che il Commissario Straordinario ha tra gli obiettivi primari, da un lato, il riallineamento contabile e, dall’altro, in stretto coordinamento funzionale con l’obiettivo appena citato il supporto alla verifica e all’analisi dei rendiconti degli esercizi 2017 e 2018, dei bilanci di previsione 2018-2020 e 2019-2021 e degli adempimenti amministrativi previsti per legge.

PREMESSO che:

– l’importo complessivo ed omnicomprensivo del servizio da affidare è stato quantificato in €. 20.000,00 (IVA 22% esclusa);
– ai sensi dell’art. 36 comma 2, lettera a) d.lgs. 50/2016 gli affidamenti di importo inferiore a € 40.000,00 possono essere effettuati mediante affidamento diretto, anche senza previa consultazione di due o più operatori economici;
– ai sensi dell’art. 32, comma 2, del d.lgs. 50/2016, le stazioni appaltanti determinano a contrarre individuando gli elementi essenziali del contratto;
– ai sensi del comma 450, della legge 296/2006 (modificato dalla legge 94/2012 di conversione del decreto-legge 52/2012 e della legge 208/2015) le pubbliche amministrazioni per acquisti di beni e servizi di importo pari o superiore a 5.000,00 euro ed inferiore alla soglia di rilievo comunitario sono tenute a fare ricorso al Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione ovvero ad altri mercati elettronici ovvero al sistema telematico messo a disposizione dalla centrale regionale di riferimento per lo svolgimento delle relative procedure;

PRECISATO CHE:
– l’oggetto del contratto, che verrà stipulato mediante procedura MEPA, è il servizio di supporto agli uffici comunali nelle attività connesse agli adempimenti inerenti alla verifica e all’analisi dei rendiconti degli esercizi 2017 e 2018, dei bilanci di previsione 2018-2020 e 2019-2021 e degli adempimenti amministrativi previsti per legge.
– il presente affidamento avrà inizio dalla data di stipulazione della scrittura privata fino al 30.11.2019;
– la scelta del contraente a cui affidare l’esecuzione del contratto avviene mediante la Piattaforma MEPA, tramite affidamento diretto, ai sensi dell’art. 36 del d.lgs. 50/2016;
– con la presente determinazione si avvia e contestualmente si conclude il procedimento di aggiudicazione del servizio in oggetto;

PRESO ATTO che:
– il servizio affidato con il presente atto è soggetto al decreto-legge n. 187 del 12.11.2010 in materia di tracciabilità dei pagamenti, ai sensi dell’art. 3 della legge 136/2010 e successive modifiche ed integrazioni, pertanto si è provveduto a richiedere il CIG (Codice Identificativo della Gara) all’Autorità Nazionale Anti Corruzione (ANAC);

RITENUTO di interpellare, mediante richiesta di offerta, identificativo procedura MEPA n. CSEL3000003, in ragione delle caratteristiche tecniche e qualitative e dell’esito dell’indagine di mercato svolta, la ditta Centro Studi Enti Locali con sede a San Miniato (PI) in via della Costituente, 15 – Partita IVA/VAT code IT 02998820233; Codice fiscale: 02998820233; RITENUTO di procedere all’affidamento definitivo del servizio di supporto nelle attività connesse alla verifica e all’analisi dei rendiconti degli esercizi 2017 e 2018, dei bilanci di previsione 20182020 e 2019-2021 e dei pregressi adempimenti amministrativi obbligatori al CENTRO STUDI ENTI LOCALI con sede a S. Miniato (PI) in via della Costituente, 15 – Partita IVA/VAT code IT 02998820233; Codice fiscale: 02998820233 – a seguito della procedura di affidamento diretto mediante piattaforma MEPA, per un importo di €. 20.000,00 + Iva 22%, per un totale di €. 24.400,00, imputando la spesa per euro 9.300,00 sul capitolo 2140 – Codice Bilancio 01.03.1.03 ed euro 15.100,00 sul capitolo 3040 – Codice Bilancio 01.03.1.03 – del bilancio di previsione 2017/ 2019 terza annualità;

DATO ATTO, inoltre, ai sensi e per gli effetti dell’art. 9, comma 1, lettera a), punto 2 del decreto-legge n. 78/2009, convertito in legge n. 102/2009, che il programma dei pagamenti derivanti dall’assunzione della presente determinazione è compatibile con gli stanziamenti di bilancio attribuiti al sottoscritto Dirigente del Servizio Finanziario; con le vigenti regole di finanza pubblica;

ACCERTATO che, ai sensi dell’art. 183, comma 8, del d.lgs. 267/2000, il pagamento del servizio conseguente l’impegno assunto con la presente determinazione è garantito in base agli stanziamenti di cassa;

CONSIDERATO CHE trattasi di spese espressamente previste per il regolare svolgimento delle funzioni e dei servizi fondamentali dell’Ente che non possono essere interrotti senza che ciò comporti un danno grave ed irreparabile per l’Ente, e pertanto non rientranti nel divieto di cui all’art. 188, comma 1 quater, del D. Lgs. 267/00;

Visti:
a) Il decreto legislativo n. 118/2011 s.m.i. attuativo della legge delega in materia di federalismo fiscale n. 42/2009, recante “Disposizione in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali, e dei loro organismi”, che prevede una complessiva riforma del sistema di contabilità delle regioni e degli enti locali finalizzata ad una loro armonizzazione tra le diverse pubbliche amministrazioni, ai fini del coordinamento della finanza pubblica;
b) Il principio contabile applicato concernente la contabilità finanziaria “allegato 4/2 al d.lgs 118/2011 come modificato dalla legge n. 126/2014”;
c) L’art. 183 del d.lgs. n. 267/2000 “impegno di Spesa” comma 1/5/7 recita:

1) «L’impegno costituisce la prima fase del procedimento di spesa, con la quale, a seguito di obbligazione giuridicamente perfezionata, è determinata la somma da pagare, determinato il soggetto creditore, indicata la ragione e la relativa scadenza e viene costituito il vincolo sulle previsioni di bilancio, nell’ambito della disponibilità finanziaria accertata ai sensi dell’articolo 151«.
2) «I provvedimenti dei responsabili dei servizi che comportano impegni di spesa sono trasmessi al responsabile del servizio finanziario e sono esecutivi con l’apposizione del visto di regolarità contabile attestante la copertura«

• Visto l’art. 163 del T.U.E.L..
• Visto in vigente Regolamento di Contabilità;
• Visto in vigente Regolamento di Contratti;
• Visto in vigente Regolamento Comunale per la fornitura dei beni e prestazioni di servizi in economia;
• Visto il Decr. Leg.vo n. 50/2016 e ss.mm.ii.;
• Visto l’art. 183 del Decr.Leg.vo 267/2000 e ss.mm.ii.;
• Visto il Decr. Leg.vo n. 118/2011 e ss.mm.ii.;

VISTO il Testo Unico degli Enti Locali (d.lgs. 267/2000); Tutto ciò premesso e considerato,

DETERMINA

1. di affidare al CENTRO STUDI ENTI LOCALI S.p.A., con sede a S. Miniato (PI) in via della Costituente, 15 – Partita IVA/VAT code IT 02998820233; Codice fiscale: 02998820233 il servizio indicato in premessa;
2. di approvare i richiami, le premesse e l’intera narrativa quali parti integranti e sostanziali del dispositivo, nonché della scrittura privata allegata alla presente determinazione (allegato “A”);
3. Impegnare la somma di € 24.400,00 incluso IVA, ai sensi dell’art. 183 del D.lgs. n. 267/2000 come di seguito elencata:
4. dare atto, altresì, che la superiore spesa, è finalizzata all’allineamento conta bile, presupposto ineludibile per lo sblocco dei trasferimenti statali, e che si ritiene indispensabile al fine di evitare di arrecare danni certi e gravi all’Ente;
5. di dare atto che si provvederà alla liquidazione della spesa dopo aver riscontrato la regolarità della prestazione, eseguendo il pagamento mediante bonifico bancario;
6. di dare comunicazione al CENTRO STUDI ENTI LOCALI S.p.A., con sede a S. Miniato (PI) in via della Costituente, 15 – Partita IVA/VAT code IT 02998820233; Codice fiscale: 02998820233 dell’assunzione dell’impegno di spesa, ai sensi dell’art. 191 del d.lgs. n. 267 del 18 agosto 2000;

Il Responsabile del Servizio Dott. Maurizio Scimeca

Commenti

commenti