Taravella e Merlino: ruolo dei consiglieri viene mortificato da un’amministrazione miope e incapace

taravellamerlino

Comunicato Stampa

Ancora una volta calpestata la dignità dei consiglieri comunali da parte dell’amministrazione comunale.
I consiglieri comunali TARAVELLA E MERLINO come segno di protesta e di sdegno nei confronti dell’amministrazione comunale NON presenteranno nessun emendamento al bilancio di previsione 2015.
Il motivo è semplice, l’amministrazione comunale guidata da BURRAFATO presentando con notevole ritardo il bilancio di previsione 2015, priva di fatto i consiglieri comunali della possibilità di svolgere il proprio ruolo di rappresentanti e delegati dei cittadini termitani dai quali democraticamente sono stati eletti, inoltre in questo modo non si dà la possibilità ai consiglieri comunali di potere incidere minimamente sulle scelte finanziarie dell’ente e vengono privati della prerogativa di potere, in seno al consiglio comunale, con gli emendamenti, di modificare la programmazione e la modulazione delle risorse finanziarie dell’ente.
Inoltre bisogna considerare che la discussione in consiglio comunale sul bilancio è un atto fondamentale delle funzioni di un consigliere comunale.
Infatti qualsiasi emendamento presentato a questo bilancio di previsione 2015 non avrebbe nessun effetto reale, nessuna incidenza sulla governance della città.
Per i suddetti motivi abbiamo riflettuto a cosa è stato ridotto il ruolo del consigliere comunale da questa amministrazione, inoltre in questo modo la votazione in consiglio comunale di questo bilancio di previsione diventa soltanto una presa d’atto da parte dei consiglieri comunali, il cui ruolo di rappresentanti dei cittadini viene mortificato da un’amministrazione miope e incapace che vuole che il consiglio ratifichi i desiderata del SINDACO.
Noi consiglieri di opposizione TARAVELLA e MERLINO non vogliamo rassegnarci a questo andazzo e in tutti i modi cercheremo di arginare chi vuole svuotare delle funzioni e delle prerogative i componenti del consiglio comunale e soprattutto rispetto a chi considera i CONSIGLIERI COMUNALI IDIOTI, per questo vorremmo che alla nostra protesta si associassero i consiglieri di maggioranza ai quali chiediamo un rigurgito di orgoglio in modo da fare valere il loro ruolo nelle sedi istituzionali.

Commenti

commenti