Lascari: domenica 9 dicembre presentazione del libro Due anni a Brancaccio con Padre Puglisi. Intervista a Gregorio Porcaro scritto dal giornalista Mario Catalano

foto-copertina-libro

Si svolgerà domenica 9 dicembre 2018 a Lascari, alle ore 17, la presentazione del libro Due anni a Brancaccio con Padre Puglisi. Intervista a Gregorio Porcaro (edito da Edizioni Arianna, prefazione di Giuseppe Antoci), scritto dal giornalista termitano Mario Catalano. L’evento, patrocinato dal Comune di Lascari, è organizzato dall’associazione Il Girasole e dal MuVi Lascari, in collaborazione con Endes Aurora, e si terrà presso lo Spazio Polifunzionale, via Leonardo Da Vinci, 21 (Lascari). Dopo i saluti di Salvatore Ilardo (coordinatore del MuVi Lascari) e Giuseppe Abbate (sindaco di Lascari), dialogheranno con l’autore: Maria Elena Amoroso (Assessore alle Attività Culturali del Comune di Lascari), Pino Apprendi (già Deputato Regionale all’Ars) e Vincenzo Pizzuto (fotografo e autore dell’immagine di copertina del libro). Modererà l’incontro Lucrezia Anselmo (Consigliere Comunale del Comune di Lascari). Durante l’evento Salvatore Ilardo e Vincenzo Noto leggeranno alcuni estratti del libro. L’opera del giornalista e scrittore Mario Catalano è stata patrocinata: dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, dalla Città Metropolitana di Palermo, dal Comune di Palermo, dal Comune di Godrano e dalla Città di Termini Imerese. «Ringrazio le due associazioni di Lascari e l’amministrazione comunale che hanno voluto fortemente organizzare la presentazione del mio libro nella cittadina madonita – ha commentato l’autore – Nei giorni scorsi è stata decapitata la nuova commissione provinciale di Cosa Nostra palermitana. Tra gli arrestati spiccava il nome del capo mandamento di Pagliarelli, Settimo Mineo, nonché capo della nuova Commissione Provinciale palermitana di Cosa Nostra. Un’operazione davvero importante per il territorio siciliano. La mafia si può sconfiggere, però, ci vuole il supporto di ogni cittadino. Solo così – ha concluso Mario Catalano – possiamo svegliarci la mattina e sentire nell’aria il dolce profumo di libertà e non la puzza di Cosa Nostra».
Ufficio stampa
Mario Catalano

Commenti

commenti