La Regione scrive all’Amap: “La diga Rosamarina è troppo piena, va svuotata”

“Bisogna svuotare gli invasi di Palermo perchè sono troppo pieni”. A chiederlo all’Amap è la Regione che gestisce le dighe. Il Dipartimento Acque e rifiuti ha scritto alla società partecipata del Comune per comunicare che nella diga di Rosamarina si sono raggiunti i 68 milioni di metri cubi d’acqua. Troppi: con le piogge previste nei prossimi mesi, l’acqua potrebbe superare il limite imposto dal ministero (72 milioni). La Regione invita quindi la società ad attingere più acqua del solito dalla diga Rosmarina per evitare di doverla buttare.
Richiesta non molto gradita dall’Amap poichè l’acqua di questo invaso sarebbe troppo salata e pertanto andrebbe miscelata o con quella dello Scanzano o con quella di Piana. Secondo l’Amap però l’acqua dello Scanzano sarebbe troppo poca al momento mentre quella di Piana se prelevata va pagata profumatamente all’Enel perchè utilizzata per la produzione di energia. L’amministratore unico Maria Prestigiacomo non ha intenzione di farlo e attacca la Regione colpevole – secondo lei – di avere dighe in pessime condizioni. Ma la Regione non cede sostentendo che l’acqua di Scanzano sia più che sufficiente. Non ci sarebbe dunque nessun problema nel prelevarla.
Non è la prima volta che l’acqua diventa argomento di scontro con la Regione. L’anno scorso a febbraio successe la stessa cosa: il sindaco Orlando si rifiutò e chiese a Roma di intervenire; “Si eviti che la Regione – disse in quella occasione il primo cittadino – che la Regione sia ancora una volta protagonista di incapacità gestionale”.

FONTE

Commenti

commenti