Il M5S svela il protocollo SEGRETO che avrebbe cambiato la nostra zona industriale

logo-irsappng

Era il giorno 1 giugno quando pubblicammo un comunicato stampa dell’allora commissario straordinario Di Fazio riguardo la firma di un protocollo d’intesa tra IRSAP, Regione Siciliana e SICILINDUSTRIA. Durante il confronto tra i candidati sindaco ne abbiamo parlato alla gente e chiesto ai protagonisti dell’intervista ma senza averne notizia o risposta se non dal solo Preti che, in quella sede, si dichiarò assolutamente contrario.
Furono i portavoce in consiglio comunale del Movimento 5 stelle, Luca Salemi e Manuela Sinatra, che lanciarono l’allarme sulla questione e crearono tale clamore da far cambiare idea al commissario straordinario che annullò la firma del protocollo e secretò lo stesso, anche alla presenza dei candidati sindaco Di Liberto e Preti che presero posizione contro il protocollo pur non conoscendolo ma ritenendo un atto non di ordinaria amministrazione e chiedendo di lasciare al nuovo sindaco e alla politica la responsabilità di valutarlo condividendo la posizione dei 2 portavoce in consiglio del M5S.
Qualche giorno fa, dopo mesi di instancabile e silente ricerca, la portavoce in consiglio del M5S Maria Terranova riesce ad ottenere copia del protocollo SEGRETO dall’assessorato regionale che è stato pubblicato ieri sera 10 novembre sul profilo facebook del MuoviTermini: SEGRETO in quanto fino ad ieri non esisteva copia di questo protocollo e la stessa Terranova aveva fatto diversi accessi agli atti senza ottenere risultati e risposte.
Ringraziando per il lavoro di continuativa ricerca il M5S, vi riportiamo sotto il documento integralmente per una valutazione di quanto il 3 giugno poteva essere firmato ma non è stato firmato.

A tutti i Comuni del territorio siciliano
All’ANCI Sicilia LORO SEDI

OGGETTO: Protocollo d’intesa per favorire nuovi insediamenti produttivi ed a garantire quelli esistenti tra Regione siciliana, IRSAP, Sicindustria.

La presente per informare codesti Enti in ordine ad una recente opportunità, concepita dal Governo della Regione siciliana-Assessorato regionale per le Attività Produttive, dall’IRSAP Sicilia e da Sicindustria, formalizzata in data 19/06/2017, mediante la stipula di un “Protocollo d’Intesa”, finalizzato al rilancio delle misure a sostegno delle attività produttive e dell’occupazione, a favorire l’avvio di nuove iniziative produttive ed al potenziamento ed all’innovazione di quelle già esistenti e non ultimo all’accrescimento della diffusione dei valori della libera iniziativa e della cultura d’impresa.
Gli obiettivi perseguiti attraverso l’attuazione di detto Protocollo mirano:
• a sostenere i processi di rafforzamento della capacità amministrativa dei Comuni interessati fornendo apposita assistenza tecnica;
• ad una celerizzazione dei procedimenti amministrativi conducenti al rilascio dell’autorizzazione unica;
• a rendere le imprese più competitive sui mercati aumentando, le loro capacità innovative e tecnologiche in tutti i settori nonché ad agevolare la governance gestionale ed istituzionale multilivello, attraverso l’utilizzo di strumenti di raccordo.
I Comuni interessati al consolidamento delle attività industriali già esistenti nel proprio territorio, ovvero alla promozione di nuovi investimenti conducenti verso nuove opportunità di reddito, alla riduzione dei costi a carico delle imprese nonché alla definizione e certezza dei tempi procedimentali, possono aderire alla sottoscrizione del Protocollo di cui in parola.
Per agevolare una migliore conoscenza dei contenuti e delle opportunità offerte dal Protocollo di che trattasi, si trasmette unitamente alla presente copia del documeto di cui in parola.
Nell’auspicare, da parte di codesti Comuni, la condivisione dei contenuti del documento programmatico prima descritto, si comunica che l’eventuale manifestazione d’interesse da parte dei Sindaci interessati dovrà pervenire a mezzo mail, indirizzata a: segretariQ.attivita.produttive@regione.sicilia.it, indicando nell’oggetto: “Manifestazione di interesse alla stipula del Protocollo d’intesa per favorire nuovi insediamenti produttivi ed a garantire quelli esistenti tra Regione siciliana, IRSAP, Sicindustria.”
Sarà cura degli Uffici di Diretta Collaborazione di questo Assessore provvedere alla veicolazione delle informazioni conducenti alla successiva organizzazione di quanto occorrente per la stipula del relativo protocollo.

PROTOCOLLO D’INTESA
TRA

• REGIONE SICILIANA – Assessorato delle Attività Produttive – nella persona dell’Assessore Maria Lo Bello
• IRSAP SICILIA – Istituto Regionale Attività Produttive – nella persona del Commissario Straordinario Maria Grazia Elena Brandara
• SICINDUSTRIA nella persona del Presidente Giuseppe Catanzaro

PREMESSO CHE

Il Governo delia Regione Siciliana, con l’Assessorato delle Attività Produttive in particolare, è impegnato nel rilancio delle misure a sostegno delle attività produttive e dell’occupazione;
L’IRSAP ha come funzione principale quella di promuovere l’insediamento delle imprese nelle aree destinate allo svolgimento di attività produttive attraverso lo sviluppo e l’implementazione delle azioni necessarie a favorire l’avvio di nuove iniziative produttive e a potenziare e innovare quelle già esistenti;
Sicindustria, tra gli obiettivi statutari, ha quello di promuovere con le istituzioni, le organizzazioni economiche, politiche, sociali e culturali locali, nazionali ed estere, forme di collaborazione che consentano di perseguire più vaste finalità di progresso e sviluppo e di accrescere la diffusione dei valori della libera iniziativa e della cultura d’impresa.

RILEVATO CHE

La Regione siciliana – Assessorato delie Attività Produttive – ha previsto l’erogazione di aiuti alle attività produttive e, a tal fine, ha già sottoscritto accordi e intese di programma;
L’IRSAP, come previsto dall’art. 18 della L.R. n.8 del 12 gennaio 2012, adotta un proprio disciplinare tecnico con il quale sono definite la modulistica unificata e la standardizzazione degli allegati, promuovendo intese con i Comuni interessati e con gli altri soggetti pubblici interessati ai procedimenti di rilascio dell’autorizzazione unica, con l’impegno di dimezzarne i tempi di rilascio;
Sicindustria intende agevolare i percorsi per aiutare le imprese a crescere, competere sui mercati, aumentare le capacità innovative e tecnologiche in tutti i settori. Ma anche, attraverso l’utilizzo di strumenti di raccordo, agevolare la governance gestionale e istituzionale multilivello, sostenere le imprese che hanno già investito e quelle che vorranno investire mediante un sistema di relazioni tra i vari Attori protagonisti a livello locale nei territori;

CONSIDERATO CHE

La capacità di attrazione degli investimenti costituisce espresso impegno della Regione – Assessorato delle Attività Produttive – attraverso la promozione di progetti e proposte a favore degli investimenti innovativi, di riqualificazione e reindustrializzazione nei vari territori, compresi quelli dichiarati aree di crisi complesse e non compiesse;
La Regione riconosce alle politiche di attrazione degli investimenti un’importanza prioritaria all’interno della propria programmazione strategica a valere sulla programmazione 2014-2020 al fine di sostenere congiuntamente le politiche regionali di sviluppo e sostegno alle imprese;
La qualità amministrativa è una condizione primaria di competitività dei territori;
La programmazione 2014-2020 dei fondi strutturali europei dedica particolare attenzione a! miglioramento dell’azione amministrativa e alla identificazione di obiettivi quantificabili tali da evidenziare tale miglioramento;
L’Accordo di Partenariato 2014-2020 dedica l’Obiettivo Tematico 11 ai miglioramento della capacità amministrativa e ciascuna amministrazione è tenuta ad adottare un Piano di Rafforzamento Amministrativo Volto all’identificazione delle funzioni e degli ambiti oggetto di tale rafforzamento;
La Regione Siciliana, attraverso l’IRSAP e, in collaborazione con Sicindustria, con le Città Metropolitane e con i Comuni, sviluppa un portafoglio di offerte territoriali per la raccolta di opportunità di Investimento coerenti con le vocazioni produttive e le aree di specializzazione intelligente regionali.

OSSERVATO CHE

I Comuni hanno interesse a consolidare le attività industriali già esistenti nel proprio territorio e a rendere il proprio territorio attrattivo per nuovi investimenti artigianali e industriali e ciò al fine di creare nuove opportunità di reddito per i Lavoratori e le relative Famiglie nonché di valorizzare l’offerta territoriale e promuovere opportunità di localizzazione e investimenti con l’introduzione di azioni volte alla semplificazione, alla riduzione dei costi a carico delle impresela! supporto all’insediamento di attività economiche e alla definizione di tempi certi;
I Comuni interessati, nell’ottica di incentivare gli investimenti nel proprio territorio, anche alla luce di possibili incrementi occupazionali conseguenti agli investimenti, potranno quindi aderire alla sottoscrizione del presente protocollo;

SI CONVIENE QUANTO SEGUE

• Le premesse fanno parte integrante e sostanziale del presente Protocollo d’Intesa;
• Le parti si impegnano a collaborare per dare una concreta e funzionale attuazione alla normativa vigente in materia di Sportello Unico delle Attività Produttive (SUAP) e comunque per agevolare il rilascio o il diniego tempestivo di visti, permessi, pareri ed autorizzazioni a diverso titolo occorrenti per lo sviluppo delle attività produttive;
• La Regione si impegna a sostenere tramite proprie risorse e d’intesa con il Dipartimento per la Funzione Pubblica (e l’Agenzia per la Coesione) i processi di rafforzamento della capacità amministrativa dei Comuni interessati e a fornire apposita assistenza tecnica ai Comuni che decideranno di aderire al presente Protocollo d’Intesa con la costituzione di un Ufficio dedicato presso l’Assessorato delle Attività Produttive;
o I Comuni sottoscrittori si impegnano a potenziare, qualora occorra, l’attività dello SUAP anche con interventi formativi del personale dipendente dedicato, al fine di garantire tempestive e compiute risposte, con un approccio problem solving, alle istanze presentate dalle imprese. In tal modo sarà possibile assicurare tempi celeri e certi nel rilascio di visti, permessi e autorizzazioni a diverso titolo occorrenti per garantire lo sviluppo delle imprese e la tutela dei lavoratori occupati, sia nella fase di realizzazione degli investimenti sia in quella di esercizio delle attività produttive;
• I Comuni sottoscrittori si impegnano ad utilizzare, per via telematica, la modulistica predisposta dall’Amministrazione Regionale al fine di assicurare sia servizi omogenei e standardizzati sia uno standard elevato di trasparenza nei contatti con le imprese;
• Le parti si impegnano sin d’ora a designare, nell’ambito delle figure apicali dell’amministrazione, il soggetto cui attribuire il potere sostitutivo nel caso di inerzia protratta oltre il termine stabilito per la conclusione del procedimento autorizzativo (art. 2, co. 9-bis, L.241/1990);
• Trascorsi 60 giorni dalla presentazione dell’istanza per il rilascio dell’autorizzazione unica, così come previsto dal c.4, art. 18 delia L.R. n.8/2012, l’operatore economico invierà una comunicazione di inizio attività dichiarando che, trascorsi ulteriori 30 giorni (silenzio-assenso) dalla ricezione della predetta dichiarazione da parte del competente SUAP, avvierà le attività oggetto di richiesta di autorizzazione unica;
o I Comuni, l’IRSAP e la Regione Siciliana, trascorso il termine dei 60 giorni previsto dal comma 4, art.18 della L.R. n.8/2012 e superati i 30 giorni dalla ricezione della comunicazione da parte dell’operatore economico, s’impegnano fin d’ora a riconoscere la piena e assoluta validità dell’autorizzazione e di conseguenza s’impegnano a rinunciare a qualsiasi azione amministrativa e giudiziaria volta a fare venire meno la stessa autorizzazione, salvi i casi in cui risulti evidente la mancanza dei presupposti indicati dal citato art.18;
o Alle riunioni della conferenza partecipano gli interessati, inclusi i soggetti proponenti il progetto eventualmente dedotto in conferenza, nonché le Parti firmatarie del presente protocollo e ciò al fine di assicurare le finalità sottese al protocollo medesimo;
• All’esito dell’ultima riunione, e comunque non oltre il termine di cui al c. 2, art.2 L.241/1990, l’amministrazione procedente adotta la determinazione motivata di conclusione della conferenza, con gli effetti di cui all’articolo 14-quater, sulla base delle posizioni prevalenti espresse dalie amministrazioni partecipanti alla conferenza tramite i rispettivi rappresentanti. Si considera acquisito l’assenso senza condizioni delle amministrazioni il cui rappresentante non abbia partecipato alle riunioni ovvero, pur partecipandovi, non abbia espresso ai sensi del comma 3 ia propria posizione, ovvero abbia espresso un dissenso non motivato o riferito a questioni che non costituiscono oggetto della conferenza;
• I Comuni sottoscrittori si impegnano a porre in essere ogni azione per ridurre i tributi imposti dai Comune medesimo a valere sui nuovi insediamenti produttivi che si andranno a realizzare nel proprio territorio, finalizzati allo sviluppo di aree industriali complesse, non complesse nonché le aree già destinate ad insediamenti produttivi. Si impegnano altresì a fissare un termine massimo di 90 giorni per la risposta alle richieste di autotutela in materia tributaria proposte dalle imprese;
• In merito a progetti di investimento di importo complessivamente superiore a euro 10 milioni, a richiesta di una delle Parti sottoscrittrici del presente protocolio, entro 10 giorni lavorativi dalla segnalazione, l’Assessorato regionale delle Attività Produttive, in relazione alla problematica da risolvere, fisserà nell’ordine: a) una conferenza di servizi semplificata in modalità “asincrona”, mediante la trasmissione per via telematica tra le amministrazioni partecipanti delle comunicazioni, delle istanze e della relativa documentazione, degli schemi di atto e degli atti di assenso; b) una conferenza dei servizi simultanea. Le Parti, a tal fine, danno atto che si considera acquisito l’assenso senza condizioni dell’Amministrazione che non si sia espressa entro i termini;
• Il termine perentorio per l’invio delle determinazioni da parte delle amministrazioni coinvolte nella conferenza di servizi è fissato in 30 giorni. Qualora tra le amministrazioni coinvolte nella conferenza vi siano anche quelle preposte alla tutela ambientale, paesaggistico-territoriaie, dei beni culturali o della salute dei cittadini, il termine di conclusione della conferenza è fissato in 60 giorni. Le Parti danno atto che considerano perentorio l’anzidetto termine. Decorsi I detti 60 giorni, nel caso di inadempienze, l’Assessore delie Attività Produttive, su richiesta di una delle Parti, si attiverà affinché il Dirigente Generale del Dipartimento eventualmente inadempiente entro i successivi 15 giorni assicuri lo sblocco del procedimento che dovrà concludersi al massimo in 90 giorni dalla data di presentazione dell’istanza (L. 241/90 art. 14-bis, comma 2, lettera c);
• L’IRSAP, (a Regione e i Comuni che vorranno aderire assumono l’impegno a che Jé”v\ determinazioni espresse in sede di conferenza siano formulate in termini di assenso, dissenso accompagnato dalla indicazione delle modifiche del progetto necessarie ai fini dell’assenso, o di dissenso motivato definitivo;
• Per tutti i nuovi investimenti di importo superiore a euro 5 milioni (i cui relativi finanziamenti sono posti a totale esclusivo carico dell’impresa proponente sia per ammodernaménti di impianti esistenti o per nuovi insediamenti produttivi), la Regione Siciliana, i Comuni e l’IRSAP, previo accertamento della regolarità contributiva (DURC), si impegnano con il presente Atto a. dimezzare tutti i termini entro i quali assicurare la conclusione del procedimento, ovvero rilasciare o negare l’autorizzazione richiesta;
• L’Assessorato regionale delle Attività Produttive istituirà al proprio interno, con personale all’uopo destinato dall’IRSAP, un Ufficio Unico centralizzato per l’intero territorioRegionale alle dirette dipendenze del Direttore Generale o di dirigente da lui delegato cui affida, con ogni connessa responsabilità, ogni funzione finalizzata al conseguimento degli obiettivi perseguiti con il presente “protocollo d’intesa”;
• Sicindustria si impegna a svolgere la più ampia attività di informazione e divulgazione presso i propri associati, riguardante i contenuti del presente protocollo e l’attività e ¡’offerta dei servizi dello SUAP;
• L’IRSAP e Sicindustria daranno ampia pubblicità nei media delle intese raggiunte con i singoli Comuni in modo da evidenziarne l’impegno a favorire nuovi investimenti nel proprio territorio;
• Il presente accordo è vincolante fra le Parti che lo sottoscrivono. È aperto alle amministrazioni regionali e ai Comuni che vorranno aderirvi;
• Le clausole contenute nel presente protocollo trovano applicazione anche ai procedimenti amministrativi in corso.
Le parti si impegnano a verificare, con un monitoraggio almeno annuale, l’attuazione dei contenuti del presente protocollo.
Il presente protocollo ha la durata di un triennio e può essere concordemente modificato al fine di un migliore conseguimento degli obiettivi, previo accordo tra le Parti medesime.
Alla data di scadenza le parti potranno decidere, previa adozione dei necessari atti da parte dei competenti organi, di proporre una nuova sottoscrizione o la proroga degli effetti dello stesso.

REGIONE SICILIANA – Assessorato delle Attività Produttive
IRSAP
SICINDUSTRIA

Commenti

commenti