CALCIO A 5. Lo Sporting Termini non abbassa la testa: sabato a Finale, con umiltà e determinazione

sporting

Lo Sporting ci riprova: pronti, ri-partenza, via! Destinazione? Non troppo lontano, si va a Finale di Pollina, dove l’aria di montagna incontra quella del mare. Un po’ come la classifica dei giallo blu termitani, ancora in tempo per guardare verso le alte quote, ma a rischio caduta verticale se sabato non dovessero arrivare i tre punti contro una squadra, il Finale di Pollina appunto, che segna ancora zero punti in classifica. Ma le classifiche mentono spesso, è il caso – riteniamo – dello Sporting Termini, che meriterebbe diversi punti in più dei tre conquistati sinora e potrebbe essere il caso, magari, anche degli avversari. Guardia alta, altissima, dunque, proprio lì, dove le colline vorrebbero diventare vette da ricordare, dove Finale di Pollina e Sporting Termini si incroceranno, fischio d’inizio alle 18:00, per dimostrare che la matematica sa essere bugiarda.
Sul versante imerese diversi i dubbi per mister Marco Barbarino, considerato come diversi effettivi non siano al meglio dopo gli infortuni  o le assenze forzate alle sedute di allenamento settimanali.
“La fiducia in questo gruppo e nell’allenatore è totale ed incondizionata. Assistiamo personalmente a tutti gli allenamenti di questi ragazzi e, nonostante la categoria, ci mettono umiltà, impegno e determinazione fuori dal comune, tutte doti che (aggiunte a quelle tecniche, di certo superiori alla media) siamo sicuri porteranno ai risultati che questa squadra merita” – queste le dichiarazioni dei dirigenti Matteo Gelardi, Giovanni Nancini e Davide Boscarino, alla vigilia di un impegno delicato per lo Sporting di Termini Imerese.

Commenti

commenti